Firmino Miotti

Firmino Miotti


Via Brogliati Contro 53

Breganze (VI)

Tel.0445873006

info@firminomiotti.it

 

firminomiotti.it

 

Breganze è il paese natale della moto Laverda, che poi è anche la marca di una celebre mietitrebbia. L’origine contadina di queste terre vicentine è tutta incarnata nella produzione che Firmino Miotti, con la sua azienda a conduzione familiare, riesce gelosamente a portare avanti. Tradizione che si tramanda di padre in figlio, e che fortunatamente ancor oggi continua a rinnovare la sua luce, splendente per di più. Da quando partì nel 1958 con la moglie Pina, oggi c’è qualcosa di nuovo: il valido ed essenziale aiuto dalla figlia Franca, che dall’inizio del nuovo millennio segue le pratiche di cantina. Ha assecondato e rispettato le scelte del padre di mantenere gli storici vitigni autoctoni dai quali ricava vini unici. Marzemina bianca (detta sampagna), pedevenda, gruajo e il groppello gentile sono il patrimonio che si vuol conservare e far conoscere alle nuove generazioni, nonostante siano a rischio estinzione. Alcuni recuperati e ritrovati, dopo le due fasi principali (l’800 e dopo la Seconda Guerra Mondiale) dell’evoluzione enoica vicentina. L’uva però identificativa del territorio è sicuramente la vespaiola, così chiamata poiché il suo succo è particolarmente amato dalle vespe, di origine ignota ma certamente importato a Breganze dai nobili vicentini all’inizio dell’800 per soddisfare i gusti dei veneziani nei loro soggiorni nelle ville vicentine. Vitigno dal quale si ricava il famoso Torcolato, vino dolce che dalla fine del XIX secolo prende questo nome associato al vino dolce di Breganze. Il nome si pensi derivi dal latino torculum, ossia l’atto di torcere, azione che viene effettuata con uno spago per intrecciare un grappolo (qui rosolo) con l’altro per la fase di appassimento, appendendoli poi alle travi delle soffitte calde e ventilate delle case coloniche breganzesi. Dall’alto dei suoi 5 ettari piantati sul Colle di Santa Lucia, che domina il paese, Firmino, contadino dal cuore grande e dalle spalle grosse, spiega: “A differenza di altri produttori, le nostre passioni più sentite sono la salvaguardia di vecchie varietà e la loro vinifi- cazione in purezza”. Firmino ha goduto anche di estimatori importanti: lo scrittore Virgilio Scapin ne ha fatto il protagonista del libro “I Magnasoete”, mentre Ugo Tognazzi è venuto più di una volta a trovarlo fra i suoi filari. Ed è proprio qui che - instancabile - è di prassi trovarlo, a seguire con una costanza ed una passione davvero ammirevoli, d’altri tempi. Nel libro a lui dedicato, si racconta proprio la vita di Firmino e Pina, la qualità dei prodotti e l’ospitalità tipica dei titolari dell’azienda, che hanno reso questo luogo di lavoro un vivace centro culturale, frequentato da buoni bevitori e personaggi legati alla cultura. L’attaccamento alla proprietà si esprime con la gelosa difesa della conduzione del fondo: Firmino nella realtà si impegna da solo in una accanita battaglia, che ha come traguardo la qualità della sua produzione, la fama del suo vino. Il tutto nel rispetto della natura e di chi gode dei suoi prodotti. Ormai tra i pochi a fare il nobile vino dolce di Breganze, così come la tradizione lo ha sempre fatto, senza seguire le mode e le facili sofistificazioni. La famiglia Miotti da più di 50 anni produce tre varietà autoctone a bacca bianca con rifermentazione naturale in bottiglia. I vini si presentano secchi, di facile bevibilità e senza solfiti aggiunti. Naturalità che si ritrova anche nel resto della gamma, che risulta ampia come offerta, ma non incrementabile, poiché la filosofia è quella di preservare e valorizzare, non certo massificare.

 

The Doobie Brothers - "Nobody"