I Vigneri

Salvo Foti


Largo Signore Pietà, 17

Randazzo (CT)

Tel.0933982942

info@ivigneri.it

 

ivigneri.it.

 

Salvo Foti è un vignaiolo dell’Etna, ma è soprattutto un maestro.

Un maestro che non si fa fatica a collocare storicamente molto indietro nel tempo, nel 1435, quando nacque la Maestranza dei Vigneri: un’associazione di viticoltori che aveva come obiettivo principale quello di insegnare alle nuove generazioni i principi di coltivazione della vigna e della produzione del vino nel territorio del più alto vulcano d’Europa. Una bottega per la formazione dei giovani che sarebbero diventati i vignaioli del futuro e che alimentava un sistema per il trasferimento della conoscenza che procedeva di generazione in generazione. Questo sistema di formazione ha resistito per secoli, fino ad essere praticamente smantellato negli ultimi cinquant’anni per costruire al suo posto un mondo in cui i vecchi, depositari di mestiere ed esperienza, vengono mandati in pensione in attesa di morire e i giovani, privi ormai di quella conoscenza sedimentatasi durante millenni di storia viticola, abban- donano le vigne e le terrazze.

Salvo Foti, Maestro per vocazione, ha dunque un’intuizione semplicissima e rivoluzionaria insieme: prima di coltivare la vigna, bisogna coltivare gli uomini. Dopo decenni in cui si è perso tutto (o quasi) della motivazione che spinge il viticoltore ad alzarsi prima dell’alba, a gelare sottozero e poi ad ar- rostirsi al sole per inerpicarsi sui fianchi ripidi dell’Etna e andare a costruire, riparare, preservare le terrazze in pietra che da 3.000 anni rendono possibile la viticoltura, coltivare gli uomini è, infatti, l’unica possibilità di riscatto. Le terrazze sono da sempre la più tangibile forma di rispetto dell’uomo per la Montagna, l’espressione del sentimento di amore e di riconoscenza per la fertilità che il vulcano dona alla terra. L’homo aetneus sa che prima di piantare una vite deve costruire una terrazza, questo è parte della sua cultura, è il suo modo di lavorare, da sempre.

Ma nel tempo questa consapevolezza è andata perduta: il lavoro del vignaiolo etneo è stato sottopagato, misconosciuto, relegato ai margini di un sistema economico che per decenni non gli ha più dato la possibilità di vivere del proprio lavoro, e l’Etna è stata a lungo abbandonata, dimenticata. Oggi la rinascita è possibile non solo ridando dignità al lavoro con una remunerazione adeguata, ma soprattutto insegnando ai giovani che quella del vignaiolo è una professionalità importante. Una professionalità che è lo strumento per poter vivere del proprio lavoro ma anche il mezzo per la conservazione e la tutela del territorio, che è patrimonio di tutti. Allora, solo dopo che il vignaiolo riacquisterà la consapevolezza del proprio ruolo di custode del territorio, solo allora tutti i sacrifici saranno ripagati.

Questa, dunque, è l’idea rivoluzionaria di Salvo e dei suoi Vigneri: ridare dignità, non solo economica, ma anche sociale ed intellettuale a persone che fino a pochi anni fa erano considerate “ultime” in una società orientata al profitto e all’egoismo individualistico. Attraverso la formazione, il lavoro del viddano - che per troppi anni è stato relegato ai margini del sistema econo- mico dominante - ritrova giusta retribuzione e soddisfazione professionale. Questo, più che solo i vini - alcuni potenti della potenza del Vulcano, altri duri come la pietra lavica ed altri ancora intensi come solo il sole di Sicilia può essere - è il motivo per scoprire ad una ad una le aziende del Consorzio. Sette territori custoditi da sette vignaioli che coltivano le viti ad alberello e costruiscono terrazze in pietra, che utilizzano strumenti e sistemi di colti- vazione non invasivi nel rispetto della tradizione e dei propri antichissimi vitigni e che, quando occorre, sanno chinare il capo di fronte alla Natura senza velleità, senza egoismi, senza deliri di onnipotenza.

 

the rolling stones - time is on my side - live - enhanced sound